Razionale

La fibrillazione atriale è una condizione di grande rilevanza clinica e assistenziale, per la disabilità e mortalità che può determinare. La sua prevalenza è in aumento, anche a causa dell’aumento della aspettativa di vita della popolazione. Purtroppo, spesso è misconosciuta o diagnosticata in ritardo, quando si sono già verificati danni legati principalmente all’incidenza di ictus tromboembolici.

Per questo motivo l’anticipazione diagnostica nei soggetti asintomatici riveste una notevole importanza nelle attività del medico di medicina generale. La recente introduzione della nota 97, con possibilità di accesso diretto alla prescrizione di tutti i farmaci anticoagulanti orali, ha determinato finalmente per i medici di medicina generale la possibilità della presa in carico globale dei pazienti, dalla prevenzione alla diagnosi precoce alla impostazione del trattamento, ovviamente con l’intervento integrato dello specialista cardiologo in diversi livelli di necessità.

Questo corso si pone l’obiettivo di focalizzare l’appropriatezza gestionale sia dal punto di vista diagnostico che terapeutico nel paziente con fibrillazione atriale.